Morbo di Crohn

Presso lo studio medico è possibile curare diverse patologie, tra queste il morbo di Crohn. Si tratta di una patologia cronica caratterizzata dall’infiammazione dell’intestino. Le cause non sono note ma possono essere curate da gastroenterologo Palermo. Questa patologia può colpire l’intero tratto gastrointestinale dalla bocca dello stomaco all’ano, anche se nell’80-90% dei casi si localizza nell’ultima parte dell’intestino tenue cioè nell’ineo. I fattori che possono scatenare questa malattia sono diversi. Presso il gastroenterologo Palermo è possibile effettuare delle analisi specifiche in grado di fornire al paziente un quadro clinico completo; successivamente a queste analisi lo specialista, in base al problema riscontrato, consiglia la terapia più adatta da seguire. Le cause del morbo di Crohn sono sconosciute anche se è dimostrato che le alterazioni da esso provocate derivano da un’appropriata e continua attivazione del sistema immunitario e della mucosa intestinale. Risulta complesso effettuare subito una diagnosi perché non esiste un esame unico che traccia il quadro clinico del paziente. Il corretto stile di vita che comprende una sana alimentazione, rientra nelle attenzioni che possono garantire un miglioramento delle condizioni di salute del paziente. I sintomi che immediatamente indicano la presenza di questa patologia nel soggetto sono molto variabili, a seconda di dove si localizza il morbo di Crohn.  Molto spesso, si registra una perdita di peso seguita da febbre, che rappresenta un chiaro sintomo di un processo infiammatorio. Se questo è presente nella parte finale dell’intestino interessa il colon. Tra le numerose causa scatenanti questa patologia vi è anche lo stress. La terapia per il morbo di Crohn tende a spegnere l’infiammazione intestinale attraverso l’azione sui meccanismi cellulari e molecolari dell’intestino e del sistema immunitario. Per una diagnosi corretta bisogna escludere la presenza di altre condizioni patologiche a carico dell’intestino, quali la colite ulcerosa, la celiachia e il cancro del colon-retto. Presso lo studio medico è possibile effettuare ecografie che possano mettere in luce l’insorgenza del morbo di Crohn.

Leggera tachicardia

Il sorgere di una patologia si può manifestare in modi diversi. Il fenomeno della tachicardia anche in forma leggera può avere molti fattori scatenanti. Gli accertamenti specifici che si possono effettuare presso il gastroenterologo Palermo restituiscono al paziente un quadro clinico chiaro. I primi disturbi che emergono da questo fastidio, sono riconducibili spesso a patologie a carico dell’intestino. I sintomi di molti pazienti si presentano in questo modo perché esistono delle criticità a livello gastrico. Il malessere avvertito dal paziente, si manifesta prevalentemente sotto forma di piccoli dolori e tachicardia. Presenti e curabili presso il gastroenterologo Palermo i numerosi fastidi che introducono il manifestarsi di un problema gastrico che si manifesta con pesantezza mal di stomaco e piccoli attacchi di tachicardia. I fastidi accusati a livello dell’addome spesso confermano il sorgere di una tachicardia. I sintomi più frequenti sono dolori al petto e accelerazione anche improvvisa del battito cardiaco. La gastrite, cronica o nervosa, può presentarsi sotto forma di disturbi collaterali come la leggera tachicardia. Questo fastidioso sintomo risulta essere il primo campanello d’allarme per ricorrere a degli specifici trattamenti diagnostici. I suddetti disturbi che vanno a compromettere il fisiologico funzionamento dell’apparato digerente rientrano nella categoria di quelli gastrocardiaci. Le ragioni, alla base di un quadro clinico gastro cardiaco riguardano l’eccessiva quantità di aria presente nello stomaco, con la conseguente formazione della cosiddetta bolla gastrica.
Spesso la leggera tachicardia può segnalare la presenza di ernia iatale che si connota con il consueto reflusso gastrico; molto spesso i pazienti confondono i sintomi, attribuendone l’insorgenza a problemi cardiaci. Lo stile di vita, quindi la corretta alimentazione, possono essere determinanti nello scongiurare il rischio di queste patologie. Inoltre non incorrere nelle cattive abitudini come l’uso di alcol o il vizio del fumo, può sicuramente prevenire l’insorgere di questa sintomatologia.